Coccola la tua lavastoviglie 💗 !!

 

Sei sicura che la tua lavastoviglie sia proprio pulita?

Può sembrare un’affermazione banale, ma se la lavastoviglie che serve per pulire fosse lei stessa sporca?

L’utilizzo regolare della lavastoviglie porta ad avere residui sgradevoli come grasso, incrostazioni e resti di cibo, che iniziano ad accumularsi nelle parti non visibili del nostro elettrodomestico.

Quando le parti vitali della tua lavastoviglie vengono invase dallo sporco, la brillantezza e la pulizia dei tuoi piatti comincia a venire meno ed il cattivo odore comincia a farsi sentire. Dedicare la giusta attenzione e le cure di cui ha bisogno ed utilizzando i giusti prodotti, eviterai che parti importanti, come le eliche, il motore e i sensori si intasino di grasso, sporcizia e avanzi di cibo.

 

Ma come si pulisce la nostra lavastoviglie?

Per prima cosa è importante conoscere i dettagli tecnici del tuo elettrodomestico leggendo a fondo il manuale utente, dove vengono indicate le modalità per pulirlo al meglio. Infatti, ogni lavastoviglie è diversa dalle altre, quindi è bene avere una corretta indicazione sulla manutenzione di base, come la pulizia del filtro, smontaggio e rimontaggio delle eliche, etc.

L’utilizzo regolare di un buon additivo sgrassante e disincrostante aiuta a rimuovere i residui sgradevoli attaccando e scomponendo gli strati di grasso e i depositi di calcare che con il tempo si sono accumulati in tutte le zone della lavastoviglie, anche quelle più difficili da raggiungere, cosi da ripristinare le sue massime prestazioni.

  • Piccolo trucco del mestiere: quando esegui il lavaggio mensile con il cura-lavastoviglie, rimuovi il filtro o il gruppo filtrante e deponilo nel cestello inferiore, cosi oltre a pulire il tuo elettrodomestico detergerai filtro e soprattutto il pozzetto. L’azione del prodotto unito alla forza rotativa dell’elica inferiore infatti renderà più efficacie la pulizia del pozzetto di lavaggio.

Un’altro aspetto importante per un corretto funzionamento è la pulizia del filtro o gruppo filtrante. Pulire con regolarità il filtro è essenziale perché evita che i residui di sporco presenti nei piatti possano finire nelle tubazioni o nella pompa di scarico. Il filtro è posizionato nella parte inferiore della macchina, al di sotto del cestello inferiore e al di sotto dei bracci irroratori inferiori. Il filtro può essere composto da più parti, solitamente due: una parte centrale, che si avvita nel pozzetto di lavaggio, e una griglia, solitamente metallica. La parte centrale può essere a sua volta composta da più parti: una di filtraggio più grossolano e una, più esterna, formata da una retina chiamata micro-filtro. A meno che la nostra lavastoviglie non abbia un sistema auto-pulente, una detersione accurata almeno una volta a settimana evita possibili ostruzioni dovute ad un accumulo di scarti e che questi vengano poi reimmessi in circolo per finire nuovamente sulle stoviglie.

Una manutenzione inadeguata del filtro può non solo compromettere le prestazioni di lavaggio della lavastoviglie, ma, essendo una delle parti più importanti e delicate della macchina, può esporlo ad un rapido deterioramento.

Un altro spiacevole inconveniente che può derivare da un filtro sporco è la formazione di cattivi odori. Con il passare del tempo, favoriti anche da un ambiente caldo ed umido, i residui di cibo tendono a decomporsi e marcire, accompagnati ovviamente da una prolificazione batterica.

Pulire il filtro è molto facile, se sai come farlo.

 

  1. Assicurati di lavorare in sicurezza, se non sei esperto ti consiglio di staccare la spina dell’apparecchio dalla presa di corrente;
  2. Rimuovi il cestello inferiore cosi da avere un accesso più diretto al filtro;
  3. Controlla che nella griglia o nel filtro non ci siano impurità grossolane;
  4. Estrai il filtro (o gruppo filtrante), svitando di solito in senso antiorario dall’impugnatura della parte centrale (leggi il manuale per maggior sicurezza); fai attenzione che nessun residuo cada nel pozzetto di lavaggio;
  5. Se il filtro è composto da più parti, separa tutte le parti tra loro;
  6. Lava il filtro sotto l’acqua calda corrente, strofinando con una spazzola a setole dure (in alternativa anche uno vecchio spazzolino da denti può fare al caso tuo) avendo cura di non danneggiare eventuali parti fragili. Qualora vi fossero incrostazioni più ostinate puoi utilizzare un po’ di sapone per piatti a mano. RICORDATI DI RISCIACQUARE con cura. Residui di sapone per piatti possono infatti generare molta schiuma al successivo lavaggio!
  7. Asciuga il filtro e riposizionalo nella sua sede. Molto spesso ci sono delle frecce che indicano la corretta posizione, ruotando in senso opposto per serrare il fissaggio. Leggi il manuale per maggior sicurezza, pena possibili danni alle parti meccaniche della lavastoviglie.

Esegui la pulizia del filtro almeno una volta a settimana e una volta al mese la pulizia e la cura del tuo elettrodomestico con un prodotto specifico per una pulizia profonda.

 

Parliamo del sale.

Il sale per lavastoviglie ha il compito rigenerare e ripulire le resine presenti all’interno dell’addolcitore da accumuli di calcare. Le resine infatti servono a ridurre la durezza dell’acqua in maniera da evitare incrostazioni di calcare nelle parti non visibili. Di certo non il primo per importanza nella manutenzione, ma controllare regolarmente il livello del sale aiuta a migliorare le performance del nostro elettrodomestico.

Controlla periodicamente il sale, almeno una volta ogni 15 giorni ,e di tanto in tanto mescola quello presente utilizzando un mestolo.

Nelle lavastoviglie di ultima generazione e non solo, il risciacquo delle resine non avviene ad ogni lavaggio, ma in base a come è settata la scheda (leggi il manuale d’uso su come settare la durezza dell’acqua); questo avviene ogni X litri di acqua passati per la macchina. Non possiamo sapere infatti ogni quanti lavaggi prende il sale ed è per questo che la vaschetta va sempre tenuta piena. Se al momento in cui avviene la rigenerazione il depuratore si trovasse sprovvisto di sale, potremmo ottenere una pulizia non perfetta delle nostre stoviglie per alcuni lavaggi di seguito, almeno fino a quando non avviene il successivo ciclo di pulizia delle resine, sperando questa volta che avvenga con la giusta concentrazione di acqua e sale.

© Copyright 2020 TR3ESSE Servizio Supporto Soluzioni Tutti i diritti sono riservati -
Via Eugenio Curiel 1/F - 06083 - Bastia Umbra - Perugia - (PG)
TELEFONO : 075 80 12 441
Fabrizio 389 53 34 701 - Alberto 392 81 37 616